Eventi

Indietro

Colora la tua Vita ripercorre a piedi l’Italia con il progetto ‘trova Delfino’

Data dell'evento 12/04/2015

I ragazzi dell’associazione  ‘Colora tua Vita’ che hanno guidato lo scorso anno la coloratissima ape in tutta Italia, in un viaggio di sensibilizzazione verso la fibrosi cistica, tornano “a piedi” nei luoghi visitati grazie ad un progetto chiamato: “trova Delfino!”.

Delfino Franzero ha 59 anni, lunga esperienza nei viaggi, ed ha trovato lo scopo perfetto per camminare 2500 km. “Seguirò la scia colorata indexpercorsa in precedenza dallo smile tour –afferma Delfino– ma la percorrerò a ritroso”. Il 12 aprile è partito da Argentera con il suo zaino e per tre mesi camminerà in solitaria, con una media circa di 300 Km a settimana fino ad arrivare a Portopalo di Capo Passero.  Un modo alternativo di aiutare i pazienti affetti dalla patologia perché, nel suo camminare, visiterà gli ospedali di Torino, Firenze, Roma, Lamezia Terme e Palermo distribuendo materiale informativo e ritrovando persone già amiche dell’ape. “Per me sarà anche un viaggio di arricchimento personale. – prosegue Delfino –  Perché ho sempre pensato che la camminata, un passo dopo l’altro, deve avere un obiettivo e la fibrosi cistica condivide questo pensiero. Chi ne è affetto ha l’obiettivo, anzi il diritto, di vivere il più lungo possibile. “

Ed allora via alla caccia al tesoro…o meglio, a Trova Delfino! Il viaggio viene documentato giorno per giorno sui canali social in modo tale da conoscere il luogo in cui si trova Delfino e monitorare il suo cammino.  Coloro che riusciranno a incontrarlo durante il percorso potranno testimoniarne il passaggio facendosi un selfie insieme e chi farà una donazione all’associazione verrà ringraziato e pubblicato sulla pagina Facebook. In seguito verrà inviato un braccialetto simbolo dell’associazione per lasciare un ricordo tangibile dell’aiuto dato al progetto che colora la tua vita aiuta a finanziare.

Gli eventuali proventi delle iniziative di carattere nazionale organizzate da Colora la tua Vita nel corso del 2015, verranno destinati al cofinanziamento di un progetto di ricerca nazionale sul ricondizionamento polmonare.

La pratica del ricondizionamento, di recente introdotta anche in Italia, permette di utilizzare polmoni scartati in prima istanza ma che, dopo opportuno trattamento, sono nuovamente disponibili per il trapianto. Con questa tecnica infatti i polmoni, dopo l’espianto, vengono “ricondizionati” (ovvero portati ad uno standard accettabile), e  successivamente trapiantati. Il ricondizionamento è ancora materia di studio e di ricerca, l’obiettivo è quello di contribuire ad affinare le tecniche e le conoscenze in modo da poter recuperare un sempre più elevato numero di polmoni con conseguente aumento di trapianti.

© 2017 LIFC Lega Italiana Fibrosi Cistica - ONLUS - Viale Regina Margherita, 306 00198 Roma | Codice Fiscale 80233410580.